MUSEO •
Le Sale Etnografiche Strumenti

Album Fotografici





Strumenti di Lavoro
Villa Camozzi Attico_Villa Camozzi Piantina Attico
Strumenti da Lavoro
V
Trituratrici di Foraggio e Gelso
Trituratrici di Foraggio e Gelso
FOR-GELSO.jpg

Questi macchinari servivano per triturare il foraggio e il gelso. La coltivazione del gelso era un’attività fiorente, perché questa pianta serviva per alimentare il baco da seta.


V
Lavorazione Cereali e Castagne
Lavorazione Cereali e Castagne
CERE-CAST.jpg

Questa sezione è dedicata alla lavorazione dei cereali e delle castagne. Tra gli strumenti esposti troviamo il mortaio (detto “pila”), il martello e la “spadigia”; questa triade di attrezzi era utilizzata per sbucciare le castagne secche. La lavorazione dei cereali imponeva l’utilizzo di attrezzi per estrarre i semi dalla pannocchia e, in fase successiva, per dividere le parti inutilizzate dei grani.

Già in passato esistevano piccole macchine che facilitavano il lavoro, una di queste veniva utilizzata per separare la granella dei cereali e altri prodotti dagli involucri e dalle paglie. I cereali venivano inseriti in un imbuto (di legno, che è il materiale da cui è formato tutta la macchina) che li immetteva in una piccola rete con funzione di setaccio primario. Questo vaglio consentiva di separare l'intero cereale da materiali estranei, come ad esempio i sassi. Il prodotto selezionato veniva poi immesso nel macchinario addetto alla trebbiatura, il quale era azionato da una manovella a funzionamento manuale. Questo secondo vaglio permetteva di ottenere una netta separazione tra alimento e prodotto di scarto.
E' doveroso ricordare che la diffusione di questi tipi di macchine era limitata agli ambienti più abbienti: la gente povera doveva ricorrere a un modesto e impreciso vaglio.
Ancora oggi esistono macchinari che mantengono il nome e le funzioni del reperto, tuttavia i manufatti odierni differiscono nella struttura e nel funzionamento, divenuto automatico.


V
Lavorazione della Canapa
Lavorazione della Canapa
CANAPA.jpg

Un angolo del museo espone due attrezzi utilizzati per lavorare la canapa, pianta utilizzata per produrre manufatti come sacchi, vestiti, ecc. Dopo la raccolta in campo, la canapa veniva lasciata macerare in acqua e, successivamente si usava la “gramola” necessaria per sfibrare il vegetale. Al termine di questa fase, con alcuni “pettini”, si separava la fibra lunga da quella corta (o scarti); questo trattamento preparava la canapa alla filatura.


V
Lavorazione del latte
Lavorazione del latte
LATTE.jpg

In questa sezione è esposta una raccolta di oggetti utilizzati nella lavorazione del latte, ricordiamo:
- le forme per il burro e il formaggio,
- i secchi per contenere il latte appena munto,
- il pentolone per cagliare il latte,
- il pianale per far defluire il siero dal formaggio
e gli attrezzi per produrre il burro.

V
Lavorazione della Lana
Lavorazione della Lana
LAV-LANA.jpg

Questo spazio riproduce fedelmente le attrezzature utilizzate per lavorazione casalinga della lana. Lo strumento più voluminoso, lo “scardasso”, serviva per “cardare” la lana preparandola alle lavorazioni successive. Dopo questa fase, la lana veniva filata in due modi: o il filatoio a pedale o più semplicemente la “rocca”.

Nella sezione sono esposti altri attrezzi come: cestini, fusi, ecc.

V
Lavorazione casalinga del Legno
- Capra
Lavorazione casalinga del Legno  - Capra
CAPRA.jpg

Nel Museo non poteva mancare “il fai da te” del contadino: questo arnese curioso, denominato localmente “capra”, serviva per fabbricare oggetti di uso quotidiano come ad esempio gli zoccoli, i rastrelli o manufatti vari. La “capra” era composta da una base poggiante su tre o quattro gambe sopra la quale era incastrato il legno grezzo, tenuto fisso con la forza dei piedi dell’operatore. Dietro l’oggetto da lavorare si sedeva la persona che iniziava l’attività. Utilizzando raschiatoi e scalpelli, era possibile lavorare il legno con estrema facilità.


V
Lavorazione del Vino
Lavorazione del Vino
LAV-VINO.jpg

Un angolo del Museo presenta alcuni attrezzi utilizzati per la lavorazione del vino, in particolare: oggetti in legno per imbottigliare, spine e spinotti per le botti e un macchinario per fare la spremitura dell’uva.



V
Chiavi e Serrature
Chiavi e Serrature
CHIAVI-SERR.jpg

Questa sezione espone chiavi, catenacci, serrature e lucchetti di varie fogge.


V
Chiodi e Trivelle
Chiodi e Trivelle
CHIODI.jpg

In questo piccolo spazio sono raccolti una collezione di chiodi forgiati a mano e una serie di trivelle che servivano per forare manufatti in legno.


V
Pinze e Tenaglie
Pinze e Tenaglie
PinzeTen.jpg

In questo piccolo spazio sono raccolti una collezione di chiodi forgiati a mano e una serie di trivelle che servivano per forare manufatti in legno.


V
Pesi e Misure
Pesi e Misure
PesiMis.jpg

Questa sezione descrive gli strumenti utilizzati come unità di misura, in particolare: bilance di diversa tipologia, il “trabucco” utilizzato per misure di lunghezza, il classico e noto metro e il “centimetro” dei sarti. Lo strumento più interessante è lo “staio”.

Lo staio (termine derivato dalla parola latina SEXTARIUM) è un’unità di misura utilizzata per misurare il grano, il frumento, l'avena, ecc.
Lo staio può avere capacità diverse a seconda dell’utilizzo.

V
Oggetti Vari
Oggetti Vari
OggVari.jpg

Gli oggetti strani, utilizzati in ambiti eterogenei, sono stati inclusi in un unico settore. Vi si trovano vecchi giochi come il cerchio e la raganella (detta “gre gre”), un piccolo gira arrosto da cucina, un arriccia capelli (scaldato sul fuoco), le trappole dei topi e altro. L’oggetto più stravagante è una piccola bottiglia in vetro che serviva come contenitore di bibite gassate. All’interno della stessa si trova una biglia di vetro che aveva la funzione di tappo.

V
Attrezzi Muratore
Attrezzi Muratore
AttMuratore.jpg

Il Museo non ha voluto trascurare nessuno dei mestieri più importanti del tempo, così un piccolo spazio è stato dedicato al “muratore” di cui è esposto un campionario di utensili. Vi troviamo: cazzuola e frattazzo per spalmare la malta, martelli, scalpelli, livello, fili a piombo, carrucole e setacci. L’oggetto più interessante è un ruota zigrinata collegata a un manico di legno, questo arnese serviva per formare dei piccoli solchi nel pavimento in cemento rendendo il fondo meno scivoloso.

V
Attrezzi Macellaio e Forbici
Attrezzi Macellaio e Forbici
AttMacellaio.jpg

Questa sezione espone alcuni attrezzi utilizzati dal macellaio, vi sono: mannaie, coltelli e trita carne.
Oltre agli attrezzi da macello, sono esposte diverse forbici per svariati utilizzi.

*
Villa Camozzi
MUSEO ETNOGRAFICO
E NATURALISTICO
VAL SANAGRA
Villa Camozzi - Sede Municipio e Museo
Piazza Camozzi, 2 • 22010 Grandola ed Uniti • (CO) • Italy
e-mail: comune@comune.grandolaeduniti.co.it
Tel. +39 0344 32115 • Fax +39 0344 30247

e-mail: info@museovalsanagra.itwww.museovalsanagra.it


NEWS_Matita.gif BookShop_ALsito.gif
HELP Legenda_CONTATTI