Sala Musica L'Associazione
Storia, Natura e Vita
DOCUMENTI
* aInd.gif aTop.gif
Banda Musicale
di Grandola ed Uniti
CRONISTORIA DEL CORPO MUSICALE
DI GRANDOLA ED UNITI

V
Cronistoria
Millenovecentotrenta: sono anni di sentito agonismo. Decennio nel quale l’Italia si cimenta
in innumerevoli campi:
le leggendarie trasvolate atlantiche, i campionati mondiali dello sport, nonché iniziative di varia sorte,
tutto ciò si irradia dal centro alla periferia.

In questo ambito a Grandola ed Uniti, nel 1932 viene fondato il Corpo Musicale.

Ne è mentore “el Lüisin” Luigi Gandola, il Maestro, dalla personalità accattivante,
raduna una ottantina di giovani desiderosi di dare “corpo” alla Banda musicale.

Si da corso alle prime lezioni ma, come spesso accade, hanno inizio anche le prime difficoltà. Oddio,
si tratta di normalità fisiologiche a tale proposito si ricordano alcuni simpatici aneddoti inerenti,
anche, al problema finanziario.

Sembra che qualche bello spirito abbia fatto leva sull’emulazione tra due “personalità paesane”:
il medico, dottor Raffo e il podestà Gian Giacomo Corti.
Se il primo offre un notevole importo il secondo,
per non essere da meno, eguaglia.

I bandisti, superato il normale apprendimento musicale vorrebbero cimentarsi in “piazza” ma,
non ci sono gli “ strumenti “. El Lüisin “ sagace bellagino, sa che la “Banda del Börgg”
dispone di vecchi strumenti che è ben disposta a cedere alla nascente Società Musicale di Grandola.

Gli strumenti bellagini sono la prima dotazione dei nuovi musicanti grandolesi.

Il primo gennaio 1933 per le contrade del paese si partecipa al primo debutto con cordiali
scambi di simboli beneauguranti, con podestà in testa.

Anche la Banda e la sua musica da spunto alla “ italica diversità”. Sembra, così si dice,
che il molto reverendo signor Prevosto don Clemente Sala, non sia d’avviso alla partecipazione
bandistica durante le varie funzioni religiose, o, comunque consiglia con paterna fermezza
i pezzi che s’han da suonare.
Il nostro Lüisin, che intende arrivare allo scopo, trascrive e arrangia con chitarra le arie
che s’accordano con i desiderata del Prevosto. Eureka!
La Banda esegue pezzi profani e religiosi secondo gli eventi.
Bel successo: la musica supera ogni ostacolo, vince e allieta.

Sono trascorsi, a fasi alterne, una diecina d’anni e, purtroppo il 1942 è data infausta e tragica.
Il conflitto comporta il richiamo alle armi anche dei componenti. La “Banda”,
è privata dei suoi uomini, attende muta idonei tempi.
Conseguita la pace, il Corpo Musicale riprende il proprio esercizio nel 1947 la sua attività
e messa in forse sulla fine degli anni cinquanta.

Questa volta è la carenza di lavoro che obbliga i giovani e i meno giovani a cercare lavoro altrove
ed in speciale misura all’estero.

Durante il decennio Sessanta si avverte un miglioramento occupazionale nel distretto provinciale
ed anche, nel vicino Ticino.

La nostra Banda sente il bisogno di “farsi sentire”, ma a parte non poche incertezze logistiche
il guaio più grande è il Maestro.
La salute del Lüisin non è più “buona”. L’uomo simbolo non può essere disponibile.
Sappiamo che le vie della Provvidenza
sono e restano infinite. Così un altro grandolese Giuseppe Selva, non dimentico dell’ insegnamento
tenace del Lüisin si fa carico di rivitalizzare la nostra Banda.

Il Beppe è determinato nel dare corso al suo programma. Si devono sostituire elementi
che per vari motivi avevano dato forfait.
Da corso a una scuola di musica che, con gli anni, sfornerà nuovi gagliardi elementi.
Non da ultimo, anzi, l’apporto tangibile del nuovo “Presidente” commendator Michele Lino Guaita.
Rincuorando lo spirito e la disponibilità pecuniaria, la “Banda” conquista successi è presente
in ogni manifestazione del paese.
Le sue godibili arie popolari o, le classiche Sinfonie tanto appaganti musicalmente
per i nostri concittadini.

E siamo al 1978 anni non proprio confortanti. Emergono screzi di natura varia prima tra gli altri:
mancanza di volontà innovativa primo elemento per il ben procedere e migliorare,
disattenzione tra i soci, gli allievi poiché, questi ultimi, disertano la scuola e l’attività bandistica.
A causa di ciò, il 1980 è anno della quasi totale chiusura.

Durante l’anno 1981 un gruppo di “amici” mette in atto un coraggioso tentativo di rinascita.
Raggruppano una ventina di elementi. Si cerca, con rinnovato spirito,
la soluzione ai non pochi problemi.
L’anno seguente la “Banda” è nuova realtà affidata a Luigi Tenca, purtroppo,
per impegni di lavoro, l’attuale “ maestro “abbandona il podio. Subentra, alla direzione,
Franco Marchese, un apprezzato clarinettista e sassofonista.
Lo stesso organizza col supporto di Dario Orizzonte, un corso scolastico per gli allievi musicanti.
Sembra riaccendersi una sopita passione tra le giovani leve ma, pare una ricorrente nemesi,
anche questa ripresa non è altrimenti che un fuoco fatuo. Diserzione dalle prove, vani risultano
buon esempio e richiami da parte del Maestro che dal direttivo,
quando manca la volontà ogni sforzo risulta immane. Il 1986 è l’anno della fine.
I rappresentanti del Corpo Musicale di Grandola, consegnano al Sindaco Natale Butti i beni
e gli strumenti appartenenti al “corpo” che per anni rappresentò una autentica popolare cultura
di questo Comune Comasco.

Attualmente gli storici strumenti hanno trovato degna accoglienza presso le sale del Museo
“Storia Natura e Vita”
con sede a Villa Camozzi.

*
Sala Musica
Banda Musicale
di Grandola ed Uniti
ELENCO MUSICANTI

>
PERIODO 1932-1966

>
PERIODO 1967-1980


>
PERIODO 1982-1986


*
Sala Musica
SOCIETÀ
BANDA MUSICALE
GRANDOLA ED UNITI

STATUTO
>
STATUTO
Copertina
>
STATUTO
Pagine
*
Banda Musicale di Grandola ed Uniti
- Marcia King's Glory

Ascolta la riproduzione
V
Dati Archiviazione
*
Data
16/01/2007
*
Chi
Mario e Giorgio Selva
* aInd.gif
* Villa Camozzi
MUSEO ETNOGRAFICO
E NATURALISTICO
VAL SANAGRA

Villa Camozzi,
fraz. Codogna 22010 Grandola ed Uniti • (CO) • Italy
Email: comune.grandola@tin.itwww.museovalsanagra.it
Tel. +39 0344 32115 • Fax +39 0344 30247

NEWS_Matita.gif BookShop_ALsito.gif
HELP Legenda_CONTATTI